Background image

In letteratura, Nadir è il momento in cui il protagonista raggiunge il suo punto più basso moralmente.
IN medicina Nadir è usato per riferirsi a conteggio delle cellule del sangue (leucociti, eritrociti e  piastrine) più basso  per un dato paziente in un periodo di tempo. Per esempio, in alcuni pazienti trattati con chemioterapia hanno una conta dei neutrofili al nadir di una settimana dall'inizio del trattamento a causa della soppressione del midollo.
Il Nadir è l'intersezione della verticale, passante per l'osservatore e relativa a un determinato luogo di osservazione, con la sfera celeste non visibile dall'osservatore. Punto agli antipodi dello Zenit e rappresentante del sud assoluto.
Nadir Shah, sovrano persiano.
Nome di una tribù ebraica (Banu Na?ir)che viveva nella cittadina higiazena di Yathrib (poi Medina) nel corso del VII secolo d.C

Per me: era un compagno... era la mia essenza di cacciatore...di quella caccia un po' particolare,dove le difficoltà    diventavano fondamentali per la nostra complicità! La caccia era una cosa innata in me come era naturale per te, eravamo una cosa sola, la nostra intesa era perfetta, tutto portava alla sfida che c'era nello scovare il selvatico... quell'animale con tutti i suoi istinti...e solo lui! "il cinghiale"!
La fucilata ;quella, già da un po' di tempo ne avrei fatto volentieri a meno... quella, era l'atto finale...con lei finiva la caccia... la caccia è tutto quello che avviene prima. (mai più premerò il grilletto) e tu me l'hai insegnato.
Con te ;ho avuto tutto quello che la caccia mi ha potuto dare...di più non potrei avere." Ciao Nadir ,ti porti via la mia essenza di cacciatore, spero un giorno di ritrovarti... in un luogo, dove... con un gesto, possa ritrovare quell'essenza che è nostra!"... ma questa volta non per cacciare...ma solo per giocare                   ciao Cagnaccio!...

Descrizione immagine

Ringrazio per questa fotografia l'amico Fausto Mosti >

Descrizione immagine
Descrizione immagine

<- PICIU By Gabriella